logo
© Tempi Moderni, Tutti i diritti riservati
logo trasparente tempi moderni

NOUVELLEVAGUE3

Disegno digitale: Roberta Coralluzzo

RASSEGNA
Racconti del Contemporaneo VI Edizione
“Histoire d’une Revolutionnette”

Nouvelle Vague3

Dal 23 settembre al 13 novembre 2022

“La Fotografia è verità, e il cinema è verità 24 volte al secondo”
Jean-Luc Godard

Scopri il sito NOUVELLE VAGUE 3

Nel Timeo Platone, nel raccontare il dialogo tra Socrate e Timeo, si sofferma sui quattro elementi fondamentali (fuoco, terra, aria, acqua) e li associa al tetraedro, all’ottaedro, all’esaedro e all’icosaedro. Alla terra viene affidata la forma cubica (l’esaedro), per la sua base quadrata e solida, ma anche perché perfettamente in linea con l’esperienza della terra nello spazio, perché la terra guarda in avanti, indietro, a destra, a sinistra, in alto e in basso, il che corrisponde alle sei direzioni nord, sud, est, ovest, zenit e nadir… insomma, la terra come totalità di sguardi, orizzonti, possibilità…

A partire da questa potente metafora del valore del cubo (esaedro, nella lettura platonica) come figura che celebra la terra, abbiamo voluto recuperare questa suggestione e realizzare una mostra emblematicamente denominata “Nouvelle Vague3”. Ebbene sì, una mostra au cube perché gli “elementi” che la compongono sono vari e stratificati: la fotografia, il disegno con la sua animazione, il racconto documentaristico.

E tutto questo a partire da quella corrente cinematografica denominata: Nouvelle Vague. È subito chiaro che questa corrente non è solo un’inconsueta innovazione del cinema ma una vera e propria “rivoluzione” che al cinema fa cambiare pelle, prospettiva, prassi e sensibilità del vedere. Certo è fondamentale ricordare che l’ansia del “nuovo” è un capitolo che tra gli anni ‘50 e ‘60 riguarda l’intero sistema cinematografico internazionale, ma in Francia, nell’arco di quel decennio, accade qualcosa di speciale.  E proprio nel percorrere questo “momento speciale” nello spaccato espositivo ritroveremo un cinema che affilava le sue divoranti armi di “sensibilità pellicolare” (così Jean Vigo chiamava il cinema). Infatti i nostri “giovani turchi” Eric Rohmer, Jacques Rivette, Jean-Luc Godard, François Truffaut e André Bazin (che qualche anno prima, tra il 1948 e il 1949, frequentavano con assiduità la Cinémathéque di Avenue de Messine e il cineclub del Quartiere Latino del Cluny-Palace) proprio in quel decennio partono in gioiosa accelerazione contro “il cinema tradizionale francese” ovvero “un cinema anti-borghese fatto da borghesi per borghesi” (per dirla con sua Maestà Truffaut). Il coro di una generazione sempre più inquieta iniziava ad incontrarsi, a dialogare con passione e a farsi sentire a “piena voce” (direbbe Majakovskij).

Da qui l’esigenza di Tempi Moderni di voler raccontare al cubo quest’immaginario. Proponendo una retrospettiva fotografica che abita le varie stanze di Palazzo Fruscione dove troviamo diversi frammenti di vita e diversi processi creativi e di immaginario che pulsano in quel magnifico periodo che va dalla metà degli anni Cinquanta alla fine degli anni Sessanta del nostro amatissimo “secolo breve” che è appunto la Nouvelle Vague. E la mostra ne è straordinario momento di racconto e raccordo. E il coro di volti, situazioni, backstage, iconografie celestiali, Tempi Moderni lo ha voluto affidare alle opere fotografiche di Raymond Cauchetier, di Douglas Kirkland e ad alcuni percorsi tra immagini e documenti audiovisivi dell’Archivio Luce Cinecittà dove si racconta appunto l’Histoire d’une revolutionnette, del Festival di Cannes del 1968, che apre la strada al maggio francese. E ancora l’infanzia, come motore portante del tutto, e l’amore assoluto, che sfugge ad ogni regola, li ritroviamo nelle tavole di sensibilità estrema, disegnate da Victoria Semykina. Mentre la tensione critica della Nouvelle Vague la raccontiamo grazie all’intensità analitica dei testi curati magistralmente da Francesco Casetti che, su un filologico sfondo cromatico (il giallo, il rosa, il celeste), sono guida luminosa ai 3 piani dell’esposizione.

Appunto, 3, al cubo.

La mostra aprirà al pubblico venerdì 23 settembre alle 18.00 e chiuderà il 13 novembre 2022

cubo con numero 3 sui lati

Biglietti Mostra

Intero: 8 euro

Ridotto: 5 euro ragazzi

Gratuito: per bambini e ragazzi fino ai 14 anni

Orari Mostra

lunedì chiuso
dal martedi al venerdi: 9.30-13.30/17.30-20.30
sabato e domenica orario continuato: 10.00-20.00

Biglietteria

Palazzo Fruscione

Vicolo Adelberga 24, 84121 Salerno

Biglietteria presso Palazzo Fruscione oppure su www.ticketsms.it

RASSEGNA

Racconti del Contemporaneo VI Edizione

“Histoire d’une Revolutionnette”

Giunti alla sesta edizione, i racconti del contemporaneo continuano a muoversi nelle trame dell’interdisciplina e della contaminazione dei saperi. Sottolineando il forte desiderio di Tempi Moderni di cartografare diverse “situazioni culturali”, che quest’anno, a partire dai temi presenti nella mostra (la Nouvelle Vague), diventano un prezioso modello di narrazione storica, sociale, collettiva e intergenerazionale. La proposta di quest’anno è ancora più ampia, vorace e piena di spunti di curiosità. Ma solo con tali presupposti ci piace intendere il contemporaneo e raccontarlo. Una modalità che vuol farci, anche solo per un attimo, ripensare il nostro modo di mettere a fuoco il quotidiano e la fuggevolezza del nostro tempo. Il tutto, nello specifico di questa edizione, a partire dalle visioni, dal grande vitalismo misto ad innovazione dell’estetica e dell’ideologia della Nouvelle Vague.

Così come gli “elementi” che compongono la mostra, vari e stratificati sono anche gli “elementi” che compongono la Rassegna, quest’anno denominata, Histoire d’une revolutionnette: le immagini, con il cinema, il suono, con la musica da film e i concerti, le parole, con i talk e i tanti seminari che animano e raccontano la nostra “piccola rivoluzione”.

Programma

TUTTO IL PROGRAMMA

Gli eventi di talk, cinema e musica all’interno di Palazzo Fruscione sono a ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

È consigliata la prenotazione online e su: booking@tempimodernidee.com

Il Team di questa edizione

avatar300-uomo

Presidente

Marco Russo
avatar300-donna

Comitato Scientifico - VI Rassegna del Contemporaneo

Roberta Paltrinieri
avatar300-donna

Sito web Mostra

Roberta Coralluzzo
Alke Studio
avatar300-donna

Presentazione eventi a Palazzo

Rosita Sosto Archimio
avatar300-uomo

Area Accoglienza e Guida

Luigi Maria Russo
avatar300-uomo

Direttore Scientifico e Comitato Scientifico VI Racconti del Contemporaneo

Alfonso Amendola
avatar300-donna

Comitato Scientifico - VI Rassegna del Contemporaneo

Maria Passaro
avatar300-donna

Social media

Annachiara Guerra
avatar300-donna

Responsabile Sezione Libri

Maria Beatrice Russo
avatar300-donna

Area Accoglienza e Guida

Giulia Greco
avatar300-donna

Coordinamento e Organizzazione generale

Maria Paola Cioffi
avatar300-donna

Grafica e comunicazione visiva

Emanuela Angrisani
avatar300-donna

Social media

Maria Iemmino Pellegrino
avatar300-uomo

Relazioni con Università di Salerno

Daniele Battista
avatar300-uomo

Relazioni con Università di Salerno

Mario Greco
avatar300-uomo

Comitato Scientifico - VI Rassegna del Contemporaneo

Francesco Casetti
avatar300-donna

Comunicazione, Progetto Scuole e Matinée

Barbara Cangiano
avatar300-uomo

Social media

Alfonso Giugliano
avatar300-donna

Traduzione testi

Barbara Di Maio
avatar300-donna

Comitato Scientifico - VI Rassegna del Contemporaneo

Giuseppina de Luca
avatar300-uomo

Contributi video e Sezione “Musica e Parole”

Carlo Pecoraro
avatar300-uomo

Contenuti social e Matinée

Francesco della Calce
avatar300-donna

Area Accoglienza e Guida

Roberta Citro
avatar300-uomo

Comitato Scientifico - VI Rassegna del Contemporaneo

Giacomo Manzoli
avatar300-donna

Ufficio Stampa

Concita de Luca
avatar300-donna

Grafica eventi social

Giovanna Martino
avatar300-donna

Area Accoglienza e Guida

Valeria de Santis

Mostra e rassegna realizzate grazie al sostegno di

Regione Campania

Vincenzo De Luca
Presidente della Regione Campania

Rosanna Romano
Direttore Generale per le Politiche Culturali e il Turismo

Comune di Salerno

Vincenzo Napoli
Sindaco di Salerno con delega alla Cultura

Logo Camera di Commercio

Ideate e curate da

logo trasparente tempi moderni

Marco Russo
Presidente

Alfonso Amendola
Direttore Scientifico

Maria Paola Cioffi
Coordinamento e organizzazione generale

Comitato Scientifico – VI Rassegna del Contemporaneo

Prof. Francesco Casetti, Prof. Giuseppina de Luca, Prof. Giacomo Manzoli, Prof. Roberta Paltrinieri, Prof. Maria Passaro, Prof. Alfonso Amendola

Mostra in collaborazione con

IST-LUCE-nero

Archivio Luce Cinecittà
Roma

logo Photo Op

Marta Cannoni e Livia Corbò
Photo Op – Milano

Si ringrazia

Madame Kaoru Cauchetier – Parigi
James Hyman Gallery – Londra

Testi della mostra

Prof. Francesco Casetti
Sterling Professor of Humanities and Film and Media, Yale University.

Allestimento mostra

MEF Fineart

Con il patrocinio di

Comune di Salerno
Confindustria Salerno
Salerno
Institut Français Napoli
Università degli Studi di Salerno
Fondazione Ebris
logo DAMS AMLA MATER

Con il contributo di

Regione Campania
Fondazione Cristiano Tosi
Project Finance
Comune di Salerno
Banca Campania Centro
Ritonnaro
Logo Camera di Commercio
Edil Pastore Tecnoarredo
Gruppo SADA
Fondazione Carisal – Fondazione Cassa di Risparmio
Metoda Finance
Virvelle

Partner tecnici

Collaborazioni

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sui nostri eventi

    Privacy

    Per il trattamento dei dati è possibile leggere la nostra Privacy policy.